“L’ASSASSINO DIETRO L’ANGOLO” – antologia crime

1586858529

 

L’ASSASSINO DIETRO L’ANGOLO

a cura di Carlo Crescitelli

 

Crimini.  È appunto di quelli che state per leggere. Crimini programmati o imprevisti, messi in atto o sventati, vissuti in ribellione o rassegnazione, ma pur sempre e comunque fortemente voluti. E con altri due corollari interessanti, per giunta: ironia e sarcasmo. Perché col sangue non si dovrebbe mai scherzare; e quindi farlo ugualmente può magari servire ad allontanarne in qualche modo la minaccia.

Carlo Crescitelli (Avellino, 1963) adora ascoltare, leggere e far crescere le storie altrui; forse addirittura di più che proporre le proprie. Per Il Terebinto Edizioni ha pubblicato a sua firma il diario semiserio Settanta Revisited e la raccolta di racconti brevi A spasso con l’antiviaggiatore; nonché già curato la pubblicazione delle antologie di autori vari Tecnoinganni e Una risata vi cambierà, entrambe, come del resto quella che avete ora sotto gli occhi, esiti del concorso “Riscontri Letterari”.

 

Per scoprire di più sui racconti e sugli autori clicca qui

 

assassino dietro l'angolo_copertina FB

“Le insidie del tempo” – antologia

1580892994

Le insidie del tempo

Disponibile in cartaceo e in ebook

su Amazon e in libreria

 

Solitudine, male di vivere, rapporto con la malattia, crisi e violenze familiari e di genere: sono solo alcuni degli emblemi del disagio delle nostre odierne società, quelli che più frequentemente ricorrono fra i temi affrontati nei racconti che compongono questa antologia.

Su tutti però, e tutti in qualche modo inglobandoli e riassumendoli, si è imposta l’astratta quanto sofferta affabulazione del nostro quotidiano tempo di vita; l’inesorabile eppur salvifico scorrere dei giorni che ci mostra chiare, al nostro volgerci indietro, le leggerezze e le ansie lasciate alle spalle. Che ci educa e rende diversi, conducendoci per mano al traguardo della conquista della maturità e della saggezza possibile.

Sì, è proprio il tempo il vero comune denominatore di tutte queste storie. Tempo inizialmente letteralmente visto come insidia, come precarietà, superficialità quando non rimpianto.

Ma poi pian piano consapevolmente inquadrato per quel che davvero può per ognuno di noi diventare: opportunità di riscatto, redenzione, punto di arrivo, bilancio di vita.

Antonella Russoniello è nata ad Avellino, forma la propria sensibilità letteraria sotto la guida di insegnanti come i proff. Giuseppe D’Errico e Pasquale Areniello. Laureata in Giurisprudenza, Master in AFC, svolge la professione forense che lascia nel 2000 per la professione giornalistica; collabora con il quotidiano “Buongiorno Irpinia”, con “Irpinia TV” e il canale “Tesori d’Irpinia” realizzando ben 70 documentari. Dal 2004 cura gli uffici stampa di eventi culturali come Castellarte, Ariano Folkfestival, EscaJazz, Teatro 99Posti e altri. Dal 2007 collabora con “Il Mattino” e dal 2019 con il sito ilCiriaco.it. Negli anni ha studiato lo Shiatsu e lo Yoga. Dal 2016 è Life Coach Professionista, nel 2019 consegue l’Advanced Certified Master PNL Practitioner con la NLP Society di Richard Bandler. Il suo motto è «Il futuro appartiene a chi lo sente arrivare», una frase di David Bowie che lei considera il suo più grande ispiratore.

 

Per scoprire di più sui racconti clicca qui

“Le insidie del tempo” – Sinossi

È appena uscita la nuova raccolta antologica Le insidie del tempo, scopriamo di più sui racconti.

 

insidie del tempo_post FB

 

UN CORPO PER DUE di Sebastiano G. CAPPELLO. Ripercorrere la vicenda personale che lo ha condotto alla decisione di un atto estremo mette il protagonista di questa storia come di fronte a una volontà interna da lui indipendente, che potrebbe salvarlo o viceversa perderlo.

SOTTOSOPRA di Miriam SCHIAVINA. A volte ti basta andare a prendere la metro, una mattina qualunque, per scoprire che il tuo mondo di certezze può capovolgersi all’improvviso.

AFFINITÀ ELETTIVE di Lucia DI MARO. Il nostro sguardo è sempre subito catturato dai colori decisi; ma poi sono le sfumature che ci fanno decidere.

UN FANTASMA E LA RAGAZZA DELLA PANCHINA di Alessandro TOZZOLA. Un fantasma girovago si imbatte in una giovane dal cuore spezzato. Nell’estremo tentativo di salvarla, lui le dona la sua benedizione, grazie alla quale lei riesce a ricominciare da zero e a ricostruirsi una vita. Ma c’è un prezzo da pagare…

IO LO SO di Emma SAPONARO. Una madre, già vittima di abusi, si rivolge a una ragazza che è stata a sua volta oggetto di violenza, compiendo in suo favore la più terribile delle scelte.

TELEMACHIA di Beatrice ANGELI. Litigi tra mamma e papà. Lui libertino e bugiardo, lei che, col suo “ci sono io qui”, cerca di rassicurare le due figlie, cui la separazione dei genitori sta scombussolando la vita.

ITACA di Andrea VERDINO. È la vigilia di un nuovo viaggio per Tom. Un percorso che lo porterà a casa, a una Itaca che forse non ha mai desiderato.

LA PIAGA DEL BALLO di Andrea CERASUOLO e Carlo CONTE. Strasburgo, Sacro Romano Impero, anno del Signore 1518. In uno dei più bizzarri e inspiegabili episodi della storia d’Europa, centinaia di persone ballano senza fermarsi, fino a morire di sfinimento…

NIENTE MARE di Diego COCCO. La vita si diverte a dispensare occasioni per sedurre e illudere, e intanto prepara insieme al tempo il tranello perfetto. Afferrandoci senza preavviso, costringendoci a colorare lo sgradito punto finale.

L’UOMO DEL TRAM di Eleonora PAVESI. L’incontro apparentemente insignificante tra una ragazza e un perfetto sconosciuto si trasforma in fretta in una vera e propria ossessione.

IL BOTTONE ROSSO di Agostino TERRANOVA. Un uomo si rifugia dentro un capannone abbandonato per ripararsi dal freddo della notte, e al suo risveglio, oltre al suo corpo, si destano lontani ricordi.

LA DEDICA di Eliana FAROTTO. Il ritrovamento fortuito, dopo anni, di un vecchio libro, che all’epoca giocò un suo ruolo in una storia passata, suscita una nuova tempesta di emozioni.

E QUANDO ARRIVI CHIAMA di Lucia DI MARO. Tutti speriamo che da qualche parte qualcuno stia aspettando di sapere come è andato il nostro viaggio, ma…

SOLA di Martina BUSOLA. Una sedicenne alle prese con il traumatico evento che la segnerà per tutta la vita. La dura realtà, i bei ricordi, l’amara consapevolezza della sua solitudine.

ERRORE DI GIOVENTÙ di Emma LUCIANI. Bologna, anni Settanta, un appartamento di studentesse universitarie. Una gravidanza inaspettata, il tuo compagno che ti abbandona, la tua famiglia che ti allontana. La tua vita che cambia drammaticamente, i tuoi fragili equilibri che si sgretolano. Ma il tempo a volte riallaccia dei fili che sembravano spezzati per sempre.

MI CHIAMO MARIA E FORSE STO MORENDO di Marianna GUIDA. Una donna avverte improvvisamente una violenta accelerazione del battito cardiaco: si tratta di infarto, il suo tempo sta per volgere al termine.

MORTE QUALUNQUE DI UN UOMO QUALUNQUE di Giuseppe RAINERI. Un dialogo ironico tra gli “ospiti” di una camera mortuaria, che vedono e vivono tra gli ancora vivi, senza che questi se ne rendano conto.

BRICIOLE di Samuele CORNALBA. Tommaso rischia di sbriciolarsi. È giovane, arrabbiato e messo alla prova da un grande dolore che sembra non lasciargli alcuna via di fuga. L’incontro casuale con Isabella, anziana donna dalle ossa deboli, gli fornirà l’occasione per comprendere meglio la sua sofferenza, e raccattare i cocci della sua persona ferita.

LO SCHERZO di Gabriella SABBIONI. Portata in orfanotrofio senza comprenderne il motivo, una bambina di cinque anni subisce il fatto come un vero abbandono da parte di sua madre: un trauma mai metabolizzato che lascerà solchi profondi.

LA DONNA CHE SUSSURRAVA AL MARE di Beatrice MARIGNETTI. La giovane Rebecca si sveglia ogni mattina all’alba, e guarda il mare. In una giornata piovosa, un amico di vecchia data l’aiuterà a far luce sul suo passato.

RITRATTO ’E FEMMENA A’ FENESTA di Giuseppe RAINERI. Una città che è fatta soprattutto di persone, oltre che di pietre; un’umanità che fa della solidarietà la propria forza.

INFANZIA FELICE di Pietro RAINERO. Giochi di bimbi in un piccolo paese con gli amici. Bei momenti rievocati attraverso un velo di tristezza.

UNA VALIGIA APPESA A UN FILO di Chiara SILANO. Linda è appena rientrata in Italia da un lungo periodo di lavoro nel Nord Europa. Ad attenderla, i suoi amici e la sua famiglia, ma non la persona che lei ama di più…

VIVENDO E GIOCANDO di Antonella CARPENTIERI. Alessandro ha un incontrollabile e persistente bisogno di giocare, e nessun controllo su di sé: la sua vita è diventata impossibile. e allora intraprende un percorso di riabilitazione.

APPUNTAMENTO CON L’AMORE di Gherardo POZZI. Si consuma nelle estati in montagna una lunga educazione sentimentale fatta di bosco, natura, delusioni e tristezza.

IDENTITÀ PERSONALE di Donato DI PASQUALE. Anna, commessa assunta a nero e sottopagata che vive ancora in casa con la mamma, va al centro commerciale in preda ad un’idea fissa: ghermita dalla pubblicità̀ martellante dell’ennesimo smartphone, vivrà un’esperienza davvero insolita.

“Riscontri letterari 2018” – Sez. Realismo

Pubblichiamo di seguito l’elenco degli autori vincitori del concorso “Riscontri letterari” nell’ambito della sezione “Realismo”:

  • Sebastiano G. CAPPELLO, Un corpo per due
  • Miriam SCHIAVINA, Sottosopra
  • Lucia DI MARO, Affinità Elettive,  E quando arrivi chiama
  • Alessandro TOZZOLA, Un fantasma e la ragazza della panchina
  • Emma SAPONARO, Io lo so
  • Beatrice ANGELI, Telemachia
  • Andrea VERDINO, Itaca. 
  • Andrea CERASUOLO e Carlo CONTE, La piaga del ballo
  • Diego COCCO, Niente mare
  • Eleonora PAVESI, L’uomo del tram
  • Agostino TERRANOVA, Il bottone rosso
  • Eliana FAROTTO, La dedica.
  • Martina BUSOLA, Sola
  • Emma LUCIANI, Errore di gioventù
  • Marianna GUIDA, Mi chiamo Maria e forse sto morendo. 
  • Giuseppe RAINERI, Morte qualunque di un uomo qualunque
  • Samuele CORNALBA, Briciole
  • Gabriella SABBIONI, Lo scherzo
  • Beatrice MARIGNETTI, La donna che sussurrava al mare
  • Giuseppe RAINERI, Ritratto ’e femmena a’ fenesta.
  • Pietro RAINERO,Infanzia felice.
  • Chiara SILANO, Una valigia appesa a un filo.
  • Antonella CARPENTIERI, Vivendo e giocando. 
  • Gherardo POZZI,Appuntamento con l’amore.
  • Donato DI PASQUALE, Identità personale.

 

La relativa antologia

Le insidie del tempo

a cura di Antonella Russoniello

è già disponibile su Amazon e sul sito della casa editrice

 

insidie del tempo_copertina FB

Sguardo sugli autori – “Una risata vi cambierà”

È appena uscita la nuova raccolta antologica Una risata vi cambierà, scopriamo di più sui racconti e i loro autori.

 

banner post

 

 

  • L’amore ai tempi dell’Internet è un racconto rosa, sotto forma di testo teatrale, che racconta di un pomeriggio tra amiche anziane durante il quale una, più informatizzata, parla all’altra dell’incontro fatto, in chat, con una persona che poi si rivelerà…

Stefania Bardani è un’appassionata lettrice di fantascienza, con una predilezione per Asimov. Si diletta a scrivere racconti fin dalla più tenera età.
Partecipa a due edizioni del concorso per racconti di Fantascienza a Montepulciano, nel 1988 e 1989, classificandosi rispettivamente al terzo e primo posto, e in quelle occasioni ha la possibilità di conoscere Ugo Malaguti. Questi, interessato dal suo stile, la sprona a continuare, pubblica alcuni suoi racconti sulla collana “Futuro Europa”; il vincitore del concorso di Montepulciano viene anche pubblicato su una raccolta Cecoslovacca. Il lavoro, però, la assorbe completamente e abbandona la scrittura per oltre un ventennio, ricominciando solo nel 2017 sempre grazie a un concorso: “INK”, indetto dal forum “SPS”, che la costringe a mettersi alla prova su generi diversi dal suo preferito.

 

  • Ektor il bullo. Un giovane perdente di periferia scopre per caso una maniera del tutto insospettata di mettere a frutto le proprie poche, scialbe, discutibili doti.

Luca Giovanni Caneva è di Sanremo. Vigile del fuoco di professione e laureato in scienze motorie, è appassionato di lettura e scrittura ma solo recentemente ha cominciato a partecipare ai concorsi letterari.

 

  • Equivoco di mezza estate. Sullo sfondo di una cittadina di provincia si consuma un equivoco che desterà l’interesse e l’attenzione della popolazione di quartiere durante un’estate degli anni ’50. Interesse che sarà, alla fine, ben ripagato.

Virginia Danna vive ad Avellino ed è stata insegnante di scuola primaria. Ha partecipato nel 2009 e nel 2010 al Laboratorio di Scrittura Comica ed Umoristica “Achille Campanile” di Napoli, affinando così la propria passione per la scrittura. Ha pubblicato racconti su quotidiani e in numerose antologie. Nel novembre 2015 ha pubblicato un romanzo in formato ebook dal titolo Diciannove e trentaquattro, edito da Nuova Narrativa Italiana. Nel 2017, a seguito della vincita del premio letterario “Solo per cultura ammuinamm’ ‘stu paese”, ha pubblicato in cartaceo una raccolta di racconti dal titolo SCAMPOLI. Ritagli di ieri e di oggi.

 

  • La telefonata. In linea si materializza all’improvviso il limpido sogno di riscatto da una vita di mediocrità.

Adriano Fischer, vive, lavora, scrive e ascolta musica a Catania. Sposato. Ha una cana – Beer – come migliore amica. Ha pubblicato due romanzi con Robin, Dissipatio H.G. e L’Italia s’è mesta, uno con Nulladie dal titolo Bella Cohen e racconti con Delfino Editore. Ama i Pink Floyd, Roth, Celine, Houellebecq e la cucina vegana in questo preciso ordine. Suona la chitarra molto male ma la suona. Gestisce “Il Gruppo di Polifemo”, un sito di cultura differenziata che ammicca all’isola.

 

  • Qualcuno di troppo. Larissa: donna in carriera, una bella casa, una bella famiglia… tanti dubbi, insinuati dalla presenza della nuova ospite, che ha totalmente incantato suo marito Carlo e scatenato in lei una folle gelosia. Una donna colta e intelligente che mette in discussione le proprie certezze…

Lidia Laudenzi è nata e cresciuta in un paesino della provincia romana. Dopo la laurea in Lettere si trasferisce a Roma per lavorare come bibliotecaria. Appassionata di libri e fotografia, scopre la scrittura nel 2013 quando comincia a frequentare corsi e laboratori di scrittura creativa. Dal 2016 collabora con la rivista fotografica online “Photosophia”.

 

  • La gavetta. In una tragicomica situazione accademica, l’istrionico professor Lorusso, più interessato alla bella vita e alla politica che non alla ricerca accademica, rivelerà quasi per caso al suo ricercatore Cosimo delle importanti novità sul suo futuro lavorativo.

Gabriele Levantini nasce a Viareggio. Consegue gli studi scientifici laureandosi in chimica nel 2011, ma fin da piccolo coltiva anche la sua passione per la scrittura, partecipando a diversi concorsi, e conseguendo alcune vittorie e menzioni speciali. Dal 2017 gestisce il blog di narrativa e poesia “Il Giardino Sulla Spiaggia” (https://ilgiardinosullaspiaggia.com). Collabora inoltre con alcuni importanti siti internet di promozione del territorio di Lucca. A fine 2018, dopo aver partecipato a numerose pubblicazioni collettive, presenta il suo primo libro personale, intitolato Il Giardino Sulla Spiaggia. Racconti da un lontano viaggio interiore. Attualmente sta lavorando a diversi progetti letterari che dovrebbero vedere la luce nel prossimo futuro.

 

  • Concorsi letterari. Immaginate che il grande Omero, sovvertendo ogni logica temporale, presieda la giuria di uno dei tanti concorsi letterari, a molti dei quali partecipa pure lui, con esiti, diciamo, non proprio entusiasmanti. Ebbene, lo vedreste giudicare banale “Senza fine”, che non è la canzone di Gino Paoli, bensì l’idillio forse più famoso di Leopardi: L’infinito. Sorte non troppo diversa tocca all’Inferno di Anniceride di Cirene, un plagio dantesco in piena regola, mentre invece incontrano la sua approvazione…

Pietro Rainero è nato ad Acqui Terme, dove risiede. Laureato in Fisica presso l’Università di Genova con una tesi sui quark, attualmente è docente di Matematica e Fisica presso il Liceo Artistico della sua città natale. Ha scritto 110 racconti, all’insegna dell’ironia, dell’antifrasi, della leggerezza, del gusto contaminatorio, di un estro talora surreale. È presente su circa 200 antologie e ha al suo attivo numerosissimi (più di 400) riconoscimenti nei concorsi di narrativa, con 46 primi posti. Ha scritto su riviste e siti web e collabora anche con l’importante blog culturale “Alla volta di Leucade”. Dal 2013 fa parte della Giuria del premio “Gozzano”. Ha pubblicato sette raccolte di racconti.

 

  • Il mistero di piazza dei matti. Un paesino di provincia con un nome poco accattivante, l’inquietante ritrovamento di un corpo riverso a terra e decine di investigatori improvvisati. Chi risolverà il mistero di “Piazza dei matti”?
  • Il testimone. Il matrimonio di un amico è un evento straordinario a cui non puoi mancare per nulla al mondo, specialmente se sei il suo testimone di nozze. Ma ci sono giorni in cui l’intero mondo sembra congiurare contro di te…

Dopo una vita dedicata al lavoro impiegatizio, Massimiliano Renaud decide di riaccendere la passione giovanile per la scrittura che, negli ultimi anni, gli ha permesso di togliersi qualche discreta soddisfazione. Oltre ad ottenere vari premi e pubblicazioni grazie a concorsi letterari per racconti brevi, ha pubblicato un racconto per ragazzi dal titolo Il Randagio (Giovanelli editore) e il romanzo storico L’Imperatore e l’artigiano (Montag Editore).

 

  • Lui e Io. Al confine tra la scienza e la fantascienza, tra il serio e l’umoristico, la storia di come sono andate veramente le cose al momento della nascita del nostro universo raccontate dai protagonisti di quei fatti.

Nato a Roma, ove ha vissuto per molti anni e dove si è laureato in Scienze Ambientali, Alessandro Vanich vive e lavora attualmente a Bologna. È un grande appassionato di escursionismo, di topografia e di divulgazione naturalistica (è una Guida Ambientale Escursionistica e cartografo). Ha compiuto diversi viaggi a piedi, dal Cammino di Santiago alla Via Francigena, redigendo dei diari di viaggio alcuni dei quali pubblicati sul sito del Dopolavoro Ferroviario. Da anni scrive poesie e racconti brevi. Ha partecipato alla II° edizione del concorso di poesia “Mario Luzi” (anno 2009) ed è stato tra i finalisti del XXII° concorso di poesia “Mario Dell’Arco” (anno 2018) e del II° concorso letterario “Andiamo in Ucronia” (anno 2019). Sinora ha pubblicato due racconti in altrettante antologie.