LA DANZA DELLE OMBRE. Trame di inchiostro nero – gli autori

Scopriamo di più sulla nostra nuova antologia (Terebinto Edizioni) andando a conoscere meglio gli autori e i loro racconti.



  • L’ELEFANTE DI CRISTALLO

Quali forme può assumere il silenzio? Un uomo ritorna ai tempi in cui era un ragazzino alle prese con le prime insidie della vita, e prova a esorcizzare quelle vecchie paure tratteggiandole in un foglio: solo allora le più intime metafore, concepite nell’esclusivo silenzio, riescono a esprimersi in vivide parole d’inchiostro.

Diego Cocco è nato a Valdagno (Vicenza) nel 1979. Ha passato l’ultima decade a giocare con le parole, ferendosi più volte a causa dell’inesperienza e del maledetto ego inglobato nel suo nome. Oggi prova a sopravvivere rispettando la tastiera, alterna giornate di paura a notti in cui crede di avercela fatta, di aver messo giù la frase immortale. Ha pubblicato quattro raccolte di poesia e un romanzo sperimentale con altrettante case editrici: decine di suoi racconti pulsano nel web in attesa di un’affermazione, ma lui stesso, da insoddisfatto senza scampo, li coccola e li rinnega a minuti alterni.

  • LA NOTTE DI PANIA

Ilaria Franciotti (1990) è dottoressa magistrale in Cinema, televisione, produzione multimediale presso l’Università degli Studi Roma Tre, ateneo presso il quale si è anche laureata in DAMS (area cinema). La sua ricerca verte principalmente su studi di narratologia e drammaturgia del cinema, studi di genere, cinema e serie televisive delle donne, temi cui ha dedicato articoli accademici e relazioni a convegni internazionali. Tiene corsi di scrittura creativa e di teoria e pratica della sceneggiatura. Nel 2018 e 2019 ha vinto due bandi PON per l’insegnamento della scrittura creativa nelle scuole. Collabora per la rivista “Segnocinema” e ha scritto per “Marla” e “Nocturno”. Nel 2016 ha fondato l’associazione culturale La Stanza a Latina e nello stesso anno ha pubblicato il suo primo libro, Maleficent’s Journey (Il Glifo, Roma).

  • LINGUAGGIO UNIVERSALE

“C’è una bellezza più grande del corpo umano? Disegnando sulla terra e nell’aria la danza diventa portatrice di sentimenti. Per questo la lingua del balletto è universale.” Una serie di pensieri sulla maestra di danza che ha pronunciato queste parole, per dimostrare che l’amore dura oltre la vita.

Grazia Riggio nasce a Messina nel 1977. All’età di tre anni esprime il desiderio di voler fare la ballerina e nel 1982 si iscrive all’Accademia Filarmonica di Messina, sotto la guida dall’insegnante e coreografa Tzveta Djoumalieva. Alla chiusura della scuola, avvenuta nel 1999, seguirà la sua insegnate in altre sedi, ritornando, dopo una pausa di cinque anni, a frequentare nuovamente le lezioni insieme alla figlia. La passione per il balletto continua ancora oggi, alimentata dal ricordo di una maestra di danza che ha seguito per tutta la vita. Accanita lettrice, nel 2000 realizza il sogno di coniugare la danza con un’altra grande passione, la scrittura, e pubblica un romanzo “Il riscatto del destino”, edito da Planet Book, nel quale la protagonista realizza il sogno di diventare étoile.

  • FRED PAINBLANC

Fred Painblanc è il nome di un uomo, di un padre, che davanti al tavolo di un luogo affollato cerca di trovare le parole per raccontare a sua figlia la sua storia d’amore con un uomo, «proprio a lei a cui non avevo mai parlato d’amore». In questa ricerca di comunicazione, di lotta tra il pudore paterno e l’amore per la verità, il lettore ripercorre con lui le diverse fasi dell’incontro con Philippe.

Cristina Basile è un’illustratrice e traduttrice italiana, residente a Parigi dal 2012. Arrivata in Francia per i suoi studi, la distanza dal suo paese e dalla sua cultura hanno reso ancora più intenso l’amore per la sua lingua e più frenetico il suo lavoro creativo. Ha collaborato con i blog “Letteratura al Femminile” e “Donne che Emigrano all’Estero” e fatto parte delle antologie: “Favole dal Mondo Expat” e “Sicilia Dime Novels”. Con gli Editori Aletti e Santelli ha pubblicato rispettivamente i libri di poesia Io e Amigdala (2008) e Confettis (2019) e vinto diversi concorsi letterari sia con le sue poesie che con i suoi racconti. Attualmente è redattrice per la rivista di poesia e cultura “Niederngasse”, dove cura una rubrica dedicata alla grafologia. I suoi libri illustrati sono stati realizzati in collaborazione con autori stranieri e le sue illustrazioni vengono vendute ed esposte in occasione di mostre collettive o personali a Parigi. Per saperne di più sui suoi lavori, visitate il sito: https://cristinabasileillu.wixsite.com/website-1

  • PAULA E IL SOGNO DELLE VACANZE

Dario Gallazzi cresce in un paesino sul mare del Golfo di Patti e dal 2006 vive e lavora a Padova, dopo esser passato per la Calabria dove ha studiato Storia dell’Arte. Dedica parte del suo tempo ai libri, alla pallavolo, al cibo, al teatro e alla pesca subacquea. Sulla pagina Facebook “Qui bello è”, pubblica video di ricette culinarie, di letture e gli episodi della serie “Va in frigo” di cui è autore ed interprete. Insieme a 4 musicisti fa parte del gruppo Banda Armanda Reading che porta in scena musiche e testi originali. È autore del libro per bambini Mary la baby sitter (il Ciliegio Editore).

  • IL SAPORE DELL’ACQUA

“Il sapore dell’acqua” è un racconto interiore, una ricerca in e di sé stesso di un ragazzo, Gioele, che, dopo un’infanzia difficile, riflette, non subito, su una frase riferitagli dal padre in un contesto casalingo e attraverso cui scopre il suo carattere e si affaccia alla vita in modo diverso.

Giovanni Maggio, aspirante giornalista sportivo e autore de “Il sapore dell’acqua” non nasconde la sua passione, oltre che per il calcio, per l’informatica. È dalla fusione di questi due mondi che nasce, nel 2011, la collaborazione con Wikipedia, progetto a cui contribuisce con modifiche auto-verificate dal sistema. Studente di giurisprudenza alla Federico II di Napoli, proveniente da studi liceali classici, la scrittura è per lui l’unico mezzo di comunicazione che sente davvero di padroneggiare. Cerca di trasporre nei testi la sua pragmaticità, senza però mai voler perdere di vista le emozioni. Nel 2015 per la prima volta viene pubblicato un suo articolo, sul settimanale “Il caffè” della sua città, Caserta, mentre nel 2017 vince un premio storico letterario con un elaborato sulla Prima Guerra Mondiale.

  • CINQUECENTO FILI DI RAME

Delfi è un ragazzo a cui piace raccontare. Vive con suo nonno in una piccola cittadina tra le colline, lui come unico riferimento. Mentre cresce, pian piano, comincia a sentire qualcosa tra i pensieri; sono le parole, che lui non riesce a catturare, di quelle storie che nessuno racconta mai.

Elisabetta Manzoni, nata a Torino nel 2005, ama da sempre la letteratura e soprattutto la scrittura. Si occupa di racconti, romanzi e poesie. Nel tempo libero ama studiare materie classiche e si dedica alla recitazione e alla produzione teatrale. Pubblica alcune delle sue opere sul web e sui social, dove ha superato le sedici mila letture. Nel 2019, dopo aver frequentato con successo un corso di scrittura narrativa alla Scuola Holden di Torino, pubblica un suo testo nel libro L’adolescenza è uno stato digitale. In corso di pubblicazione sono un suo racconto in Lo Zibaldone del tempo sospeso, progetto editoriale creato da Torino Rete Libri Piemonte, e un contributo nel secondo volume di L’adolescenza è uno stato digitale.

brividi_copertina FB

  • IL GIORNALISTA BUGIARDO

Prette Guido, nato a Torino nel 1967 e residente a Nichelino (To), è dal 1990 impiegato presso l’Agenzia delle Entrate – riscossione di Asti, già Equitalia. Ad agosto del 2019 la casa editrice Gruppo Albatros il Filo, ha pubblicato il romanzo intitolato La voce della solitudine, finalista del premio Sciotti 2019. È in corso di pubblicazione, presso la casa editrice Montag di Cola Alberto, il romanzo Ho scontrato l’amore. La Catartica Edizioni, nella collana Tene Tene 2020, ha pubblicato il racconto per bambini “Milù e la stella dormigliona”, nella raccolta intitolata Il ladro di sogni. Una poesia dal titolo “Tu”, sarà inserita nell’Antologia Accademia dei Poeti di prossima pubblicazione. Una poesia dal titolo “Il paese della rima”, sarà inserita nell’Antologia Penne d’Oro 2020 di prossima pubblicazione. Una poesia dal titolo “Mondo di plastica”, è finalista nel concorso internazionale “Il Federiciano 2020” e sarà pubblicata, nella rispettiva antologia di prossima pubblicazione. Una poesia dal titolo “Domani treno”, sarà inserita nella raccolta Poesia di strada di prossima pubblicazione.

  • UN PICCOLO SEGRETO

Non è vero che il tempo guarisce tutte le ferite, alcune rimangono lì, non del tutto cicatrizzate e quasi impercettibili al tatto; pronte a riaprisi in ogni momento, per farti diventare quello che mai avresti desiderato.

Nicolò Carzaniga nasce in provincia di Monza e Brianza nel 1981, geologo, è da sempre appassionato di natura e temi ambientali. Di notte suoni in gruppi musicali nostalgici del rock di un tempo passato. Talvolta scrive. Ha pubblicato un racconto inchiesta sul mondo dei levrieri e alcune storie fantastiche su diverse riviste letterarie.

  • CARTOLINE FELICI

L’infelice storia del responsabile, nonché unico impiegato, del settore missive funebri per la società Cartoline felici. Dimenticato nel suo minuscolo ufficio, ubicato nel sottoscala, proprio vicino al locale caldaie, vede nell’assegno di disoccupazione un’opportunità da prendere in considerazione.

Marcello Manzoni, milanese classe 1982. Laureato in archeologia, ha lavorato nel settore per diversi anni, finché la necessità di garantirsi due pasti al giorno l’ha spinto ad abbandonarlo e trasferirsi prima in Finlandia e poi in Germania. La scrittura di racconti brevi, con una predilezione all’umorismo malinconico, è diventata una perfetta valvola di sfogo nei periodi di isolamento forzato. Sua moglie dice di lui: Vihdoin se kirjoittaa ja mä voin katsoa telkkaria. Sogna che i suoi racconti siano pubblicati e segretamente si augura che non siano postumi.

  • IL NANO

Chi è il Nano? Da dove viene? Qual è il suo passato? Tante le domande e poche certezze: è basso di statura, è un criminale ed è stato assoldato da due pivelli.

Simonetta Gallucci, classe 1984, è una pugliese di origine e milanese di adozione. Ha imparato a scrivere a quattro anni e da allora non ha praticamente mai smesso nonostante la vita, prima da studente e poi lavorativa, l’abbia portata in una direzione completamente diversa. Laureata in Economia, attualmente lavora in una società informatica. I suoi racconti sono stati più volte premiati in concorsi nazionali per autori emergenti. Frequenta attualmente la scuola Holden Over 30.

  • IL LUOGO DELLA MEMORIA

Il passato non è mai passato completamente, se si conserva dentro di sé uno spazio per ricordarlo. Così, un musicista ritorna sui propri passi accettando di suonare in un posto legato a doppio filo alla propria infanzia: ha un conto in sospeso che ha deciso di saldare…ma quale sarà il prezzo?

Nunzio Ciullo si laurea in Giurisprudenza nel 2005 con una tesi in Storia del diritto italiano, poi consegue il Diploma di specializzazione per le professioni legali nel 2007. Dopo ottiene borse di studio dal Centro Europeo di Studi Normanni (2006), dal Centro Internazionale di Studi Bruniani (2008-2009), dall’Istituto Italiano di Scienze Umane (2011), dal Centro di Studi Normanno-Svevi (2012) e dall’Istituto Storico Italiano per il Medioevo (2014). Nel 2017 pubblica alcune voci biografiche nel Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo. Nel 2018 collabora con l’Università del Volontariato e l’Università Suor Orsola Benincasa Napoli sul tema Storia delle politiche sociali in Italia. Nello stesso anno pubblica il saggio L’eresia del Papa in un trattato inquisitoriale.

  • CARTOLINA

Una contessina riceve una cartolina di cui di lì a breve si ‘scopre’ anche e soprattutto l’autrice/mittente.

Roberto Morpurgo (Milano, 1959). Laureato in filosofia, ha pubblicato in volume L’azzurro del mare (poesie, 2007), El Djablo (racconti, 2009), L’Autoritratto (teatro, Falsopiano 2013), Pregiudizi della libertà I-II (aforismi, Premio Città di Como 2015 e Torino in sintesi 2016), Lodola (racconti, Fara 2017), Tre atti unici (Falsopiano, 2018). Ha diretto sia per la scena che per la radio diversi suoi atti unici, fra cui Tubor e L’Autoritratto. Nel 2015 Italian Poetry Review pubblica il suo inedito Gli Uccelli di Borges, e nel 2019 l’atto unico Filo a torcere. Nel gennaio 2020 è apparso in Spagna Aforismos (rilegato, fuori commercio, collezione Libelinos – che lo vede affiancato a Henri de Montherlant), e nel novembre 2020 Ondinotte – fiabe per adulti mai stati bambini (Fara).

  • ILLUSTRAZIONI

Francesco Galluzzo nasce nel 1954 a Gassino Torinese. Sin dall’infanzia Francesco manifesta capacità pittoriche e attitudini estetiche nei confronti del mondo. Successivamente, per alcuni anni è allievo del maestro gassinese Luigi Biasi, che trasmette al giovane i fondamenti del disegno a mano libera e della pittura ad olio.

Nonostante un diploma da perito meccanico ed un lavoro da disegnatore tecnico, la passione per l’arte, il disegno e la pittura non smette mai di pulsare nelle vene del giovane artista, che dagli anni ’70 ad oggi partecipa a numerose mostre collettive, estemporanee e concorsi di pittura, aggiudicandosi premi e riconoscimenti sia a livello nazionale che internazionale. Oltre alle mostre sul territorio piemontese, Galluzzo espone le sue opere anche a Firenze, Venezia e Nizza (Francia) ottenendo ottimi riscontri al pubblico e dalla critica.

brividi_post FB

LA DANZA DELLE OMBRE. Trame di inchiostro nero – antologia

È appena uscita la nuova raccolta antologica LA DANZA DELLE OMBRE. Trame di inchiostro nero (collana Riscontri Realistici, n. 2) a cura di Emilia Dente, con alcuni dei racconti vincitori della sezione “Realistico/piscologico” del concorso “Riscontri Letterari” 2020. Scopriamo di più sui racconti e sui loro autori.


locandina


Una raccolta di racconti originale e varia, selezionata tra le opere partecipanti alla seconda edizione del concorso “Riscontri Letterari”, un mosaico di storie in grado di riunire, nella coreografia di una complessa danza letteraria, sentimenti e situazioni innegabilmente diverse che trovano però l’origine comune nella esperienza del tormento e del dolore. I protagonisti dei tredici racconti proposti sono tra loro estranei e diversi, eppure hanno lo stesso sangue amaro. Veleno, sangue e inchiostro nero che, nel suo inesorabile e potente fluire, segna le pagine e le storie che, in questa inquieta antologia, sono raccolte. Tutti portano nell’anima schegge di pianto che implodono nel cuore e nella mente e lacerano la trama opaca dei giorni. Cicatrici mai guarite affiorano dal buio di tempi passati, tormenti sopiti che affannano i pensieri e imprigionano l’anima in spirali di angoscia, fino alla frammentazione dell’anima e fino a deliri e a violenti gesti efferati.


Clicca qui per sapere di più sull’antologia

brividi_copertina FB

Premio “Storia del Mezzogiorno” – risultati

Ringraziamo tutti i partecipanti al Premio “Storia del Mezzogiorno” e comunichiamo ufficialmente l’opera vincitrice:

Antonio Gramsci, il Mezzogiorno e il mistero di Napoli

di MICHELE MARSEGLIA

Ringraziamo anche i membri della giuria per l’attento lavoro di valutazione:

  • Davide Esposito è Direttore responsabile de “La Cooltura” e caporedattore della redazione “Storia”, si occupa di articoli di storiografia e storia della musica. Ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Storia presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” nel 2019. Approdato nel mondo del giornalismo nel 2010, ha collaborato in passato per Wikipedia, Nuova Stagione, Road TV Italia, Federico TV e Libero Pensiero News. Collabora saltuariamente per la trasmissione televisiva “Passato e Presente” prodotta da Rai Cultura. Ha pubblicato il suo primo libro di storiografia nel 2015 dal titolo Il mito di Carlo Magno: Alle origini dell’identità francese (Terebinto Edizioni).
  • Mario Sanseverino è uno storico modernista specializzato in storia religiosa dell’età moderna. Dopo la laurea in scienze storiche, conseguita con lode presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, ha recentemente acquisito il titolo di dottore di ricerca presso la Scuola Superiore di Studi Storici dell’Università degli Studi della Repubblica di San Marino, con una tesi sull’azione della Congregazione de Propaganda Fide e la gestione delle missioni religiose in Maghreb in età moderna. È autore di diversi articoli scientifici e del volume Un pericoloso ministero. Confessare le monache nella Napoli della Controriforma (1563-1700), edito da Il Terebinto Edizioni. Collabora con la rivista di divulgazione culturale “LaCOOLtura” e partecipa, in qualità di giovane storico, al programma di Rai Storia “Passato e Presente”.
  • Guido Tossani è nato a Firenze nel 1981. È attualmente docente di Lettere nella scuola secondaria. Ha insegnato al Centro di Cultura per Stranieri dell’Università di Firenze. Ha curato le riedizioni di Osiride, raccolta di sonetti del triestino Giuseppe Revere (1812-1889), e degli Eroi della soffitta, poema del siciliano Giuseppe Aurelio Costanzo (1843-1913). È, inoltre, autore di una Introduzione allo studio del Decameron. Per il Terebinto Edizioni ha curato la riedizione de I Canti del povero di Parzanese.

L’AMORE NEL BUIO: Storie ordinarie di passione e follia – gli autori

Scopriamo di più sulla nostra nuova antologia rosa (Terebinto Edizioni) andando a conoscere meglio gli autori e i loro racconti.

brividi_copertina FB

  • L’ULTIMO UOMO DELLA MIA VITA

Luigia Bencivenga nasce a Napoli nel 1977 ma lavora a Bologna dove sperimenta il neapolitan musical reading accompagnata da loop station e alcuni musicisti della nuova generazione bolognese. Ha vinto Martelive Emilia Romagna e si è classificata terza alle selezioni nazionali. Ha pubblicato racconti su numerose antologie – tra cui una recente raccolta di Marcos y Marcos – e riviste letterarie: La luna di traversoLeggere donnaAeoloTeflonProspektiva. Oltre alle menzioni di merito e alle segnalazioni, ha vinto premi importanti, tra i quali si ricordano: “Born to write”, Premio Gruppo di Lettura San Vitale, Premio Castelfiorentino, Premio Anselmo Spiga. È autrice di alcuni corti teatrali, uno dei quali è stato selezionato per il Festival Uno di Firenze. È giornalista pubblicista, canta solo canzoni napoletane e, nel tempo libero, scrive su Wikipedia alla sezione biografie criminali.

  • L’ISOLA

Nel racconto non si trovano giudizi ma riflessioni; ci sono le atmosfere, i luoghi e le emozioni di un incontro, vissuto con stupore e meraviglia. Ci sono i desideri e la fragilità di una donna, ma anche la sua forza nell’affrontare la propria interiorità, l’uragano che le ha permesso di crescere.

Gabriella Boano è nata a Torino, vive e lavora in una cittadina di provincia del Piemonte. Insegna materie scientifiche in una scuola secondaria superiore. È una madre e una moglie. Ha la passione per il cammino, i viaggi, il mare, la lettura. Ama ascoltare musica, un po’ di tutti i generi, perché aiuta a pensare e a sognare. È una persona diretta, ama stare in mezzo alla gente, osservare le persone di tutte le età. I suoi primi lavori come scrittrice sono nati dalla grande voglia di comunicare e, con la pandemia, il tempo si è come dilatato. È stato possibile rallentare gli impegni quotidiani, cercare risposte dentro di sé, apprezzare la solitudine e il silenzio. Scrivere è diventato nel corso della sua vita un’esigenza, una risorsa e un grande piacere.

  • IN-CONTROtempo

In un paesaggio irreale, un uomo e una donna… Così difficile il conoscersi o, meglio, ri-conoscersi…

Gio Cancemi, modenese, è laureato a pieni voti in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Bologna. È anche laureato con il massimo dei voti in Pianoforte presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Achille Peri” di Reggio Emilia e nella vita svolge attività di Insegnante di Musica e di Pianista Solista e Accompagnatore. In ambito musicale collabora stabilmente con numerosi insegnanti di fama nazionale e internazionale, con numerosi artisti, cantanti e strumentisti, compagnie teatrali e circoli musicali. Ha partecipato a diversi concorsi di musica vincendo vari premi e frequentato numerose masterclass. Nel 2013 pubblica presso la casa editrice Divinafollia il libro Assoli Esuli d’Azzurro che raccoglie alcune sue poesie. Diversi suoi racconti, poi, sono stati pubblicati in varie pubblicazioni antologiche. Nella scrittura trova l’antidoto a una realtà della quale ama evidenziare aspetti contraddittori e complessi e dalla quale cerca rifugio e “cura” attraverso “l’incantesimo” della parola.

  • LIVELLO 7

Un colloquio di lavoro presso un’importante banca di investimenti nel cuore della City, un uomo incatenato al ricordo della madre morta con le mani gonfie, e un segreto e inconfessabile terrore da trincerare dietro la violenza domestica, le cravatte di raso azzurro e il desiderio feroce di diventare Re.

Davide Di Vitantonio è nato a Teramo nel 1987. Ufficiale dell’Esercito Italiano, psicologo e psicoterapeuta, ha pubblicato la silloge Labirinto Primo con la casa editrice Nulla Die di Massimiliano Giordano, recensita dalla rivista “Abruzzo Letterario”, e i romanzi Babylonia e La corona del dio prigioniero, rispettivamente per Lilium Editions ed Edizioni Scudo.
Vincitore del II Premio Nazionale “Nella morsa di un abbraccio” e terzo classificato al Premio Nazionale “GialloFestival 2019”, affianca allo studio e alla ricerca, la passione per la narrativa declinata in ogni sua forma, dalla letteratura al cinema.

  • DOMANI

Una casa costruita con sacrificio e un testamento da rispettare faranno da scenario alle vicende di una madre che, per amore, troverà il coraggio di cambiare. Ma sarà il figlio a decidere il domani di tutti.

Luigi Foglia segue un corso di scrittura creativa a Parma presso “Corsisti per caso”, tenuto dal docente Mauro Martini Raccasi nell’anno 2017. Da lì prende forma la sua passione per i racconti con il supporto di un gruppo di scrittori con i quali si ritrova una volta al mese per scambiare consigli e collaborare sui testi. Si appassiona alla lettura, più in dettaglio ai romanzi di Nicholas Sparks e Jeffery Deaver dai quali trae ispirazione per i suoi lavori. Fra gli altri generi segue la poesia della quale è appassionato fin dai tempi della scuola. Scrivere un romanzo resta la sua grande aspirazione e leggere è il suo hobby preferito, oltre ai viaggi e trascorrere il tempo insieme alla famiglia.

  • RITORNI

A un amore, per essere perfetto, occorre rimettere ogni cosa al suo posto: è con questa convinzione che Sofia si mette in viaggio, sfogliando ricordi come un libro di favole. Tra le pagine della sua storia, però, si annida un mostro che solo gli occhi di una sopravvissuta sapranno comprendere.

Fiorella Frau nasce a Oristano nel 1987. Fin da bambina nutre per i libri un trasporto viscerale, trasmessole da sua madre. La necessità di scrivere diventa espressione catartica con racconti brevi di genere thriller e horror. Le parole sono la sua grande passione, ama sceglierle con cura nella convinzione che abbiano un potere immenso e inestimabile. Non a caso intraprende una professione basata sul dialogo: lavora come psicologa nel paese in cui è cresciuta, Terralba, e frequenta una scuola di specializzazione in psicoterapia. Fa parte di un piccolo gruppo teatrale amatoriale grazie al quale, oltre a imparare le basi della recitazione, si interessa di dizione. Attualmente studia Scienze della Comunicazione a Cagliari e aspira a inserirsi nel mondo editoriale in veste di book coach.

  • LA PROPORZIONE DELLA VITA

“La proporzione della vita” è la storia di un lutto che si consuma fra le quattro mura di una libreria in procinto di fallire, in un Paese dilaniato dalla guerra d’indipendenza e al contempo animato dalla voglia di ricominciare. E proprio quando tutto sembra perduto, la vita può farti ritrovare…

Diane Nicoletta Palacios Guzmàn è un’aspirante scrittrice italo-ecuadoregna di diciotto anni, nata a Sesto San Giovanni nel 2002. Frequenta in Trentino-Alto Adige il Liceo delle Scienze Umane, giacché ha una vera passione per tutto ciò che riguarda l’interiorità umana. La sua passione per la scrittura ha origine dalla necessità di conoscersi meglio, in quanto concepisce la scrittura come la strada maestra per arrivare verso sé stessi… I suoi scritti, in prosa e poesia, nascono sul momento e la storia prende forma durante e mediante l’atto di scrivere: lo stile adottato è principalmente il flusso di coscienza. Il tempo che non è speso a gestire la sua pagina di scrittura @la_ladra_di_parole, viene diviso fra lettura, amicizie, sport e fidanzato.

  • LA CAMERA D’ALBERGO

Enrica Mambretti ha ricevuto una formazione scientifica, non rinunciando mai all’interesse per la filosofia e la letteratura. Alla professione di medico veterinario ha sempre affiancato la scrittura. L’amore per la natura e il desiderio di conoscenza l’hanno portata a compiere lunghi viaggi, ispirando i suoi primi libri: In cammino verso Santiago nel 2015 e Paso Doble nel 2017, Bellavite editore. Il romanzo Limpida è la sera del 2019, che ha ottenuto numerosi riconoscimenti letterari nazionali e internazionali, parla del singolare rapporto tra un adolescente e suo padre. Come nuvole innamorate, edito da Albatros nel 2020, raccoglie storie appassionanti di animali vissute dalla veterinaria e raccontate dalla scrittrice. Numerosi suoi racconti sono stati pubblicati in libri e antologie.

  • NINA, IL MARE E LE PERLE DI VETRO

Cosa c’è di più affascinante di un luogo come Venezia che, continuamente, si confonde tra mare e cielo, in cui si sono avvicendate persone, colori e profumi diversi nel corso dei secoli, in cui, se si è attenti, il vento sussurra storie: questa è quella di quando Nina arrivò in questo mondo.

Letizia Manzo. Piena di energia, curiosa, sempre sul punto di partire per un nuovo viaggio o intraprendere un nuovo progetto e, nella stessa misura, sempre alla ricerca del fattore serendipità che la pone nella giusta prospettiva per riuscire a vedere e cogliere le innumerevoli storie che suggeriscono le persone, i paesaggi, le situazioni ordinarie e straordinarie di tutti i giorni. Ha una predilezione per la storia, la geografia e per la cartografia in modo particolare, come legenda di luoghi e racconto dei territori attraverso il tempo. Vorrebbe scrivere il suo libro in un cottage nel Devon, tra il mare e la campagna inglese.

  • LO SCISSIONISTA

Giorgio E. Passalacqua non è uno scrittore né un poeta ma, a differenza di molti che fingono di disinteressarsene, è uno che solo da poco tempo ha scoperto questa sua vena. Laureato in legge, ha lavorato in banca fino a quando una serie di problemi fisici, finallora a lui ignoti, non sono venuti allo scoperto. Li ha affrontati ma, risultandone alcuni inattaccabili, ha dovuto dire addio alla carriera bancaria e ripiegare su questo lato inesplorato della sua personalità. Con buoni risultati, anche se la malattia ingravescente lo obbliga a sedute a computer piuttosto brevi. La sua condizione fisica non gli permette di tenere i ritmi di uno scrittore per mestiere, né di partecipare a trasmissioni pubblicitarie televisive o di terminare velocemente la stesura di un testo. Fervido di idee come è non ha ancora trovato chi gliele sdogani. Così ha terminato due soli romanzi tra i cinque iniziati, una ventina di racconti e scritto qualche centinaio di poesie. Per la verità le poesie le scriveva sin da adolescente (Poesie contro il destino, disponibile su Amazon).

  • LA CADUTA DEI SOLDATI

Cosa succederebbe se avessi la possibilità di rivivere un giorno, un giorno soltanto, riemerso con violenza dal tuo passato? È quello che Ignazio dovrà scoprire a sue spese, armato soltanto di uno sciocco coraggio che neppure sperava di avere.

Marco Perna nasce a Napoli nel 1991. L’interesse per la scrittura è presente fin dalla più tenera età e, poco prima di compiere ventuno anni, pubblica la sua opera prima, edita dalla casa editrice Book Sprint Edizioni con il titolo Biglietto andata e ritorno per l’inferno. Seguono varie partecipazioni a concorsi letterari nazionali ed internazionali per la narrativa breve, figurando finalista della I edizione del Premio Letterario Queneau, della I edizione del concorso Storie Fantastiche, della VII edizione del Premio La Quara. Per quanto riguarda la poesia, si classifica tra i primi autori nella III edizione del Premio Letterario Teorema del Corpo e della I edizione del Premio Internazionale di Poesia Inedita La Panchina Dei Versi.

 

  • ARIANNA

Leone, un uomo tutt’altro che semplice, schivo. quando conosce Arianna, il vero amore non vuole perderla per nulla al mondo, ma c’è di mezzo un bambino, lui è il padre, fino a quel momento ha nascosto il suo passato e i suoi sentimenti, ma ora deve uscire allo scoperto per realizzare il suo sogno ed essere finalmente felice.

Giuseppe Pirri è nato a Milazzo nel 1986. Ha trascorso un’infanzia felice, meno felice fu l’adolescenza invece a causa di un piccolo problema di salute che ha superato con coraggio. Adesso è sposato e padre di due bambini. Ama tantissimo scrivere, quando scrive la sua mente viaggia e il suo cuore sogna. La vita senza fantasia è come una scatola vuota. Coltiva anche la passione per la cucina, uno dei piaceri della vita. Rispetta e adora la natura. Ha pubblicato il libro di poesie Il mio cuore sussurra al tuo e ha partecipato a diversi concorsi letterari ottenendo buoni risultati. Vive in Sicilia e precisamente in provincia di Messina, terra che adora. Ha lavorato nella ristorazione e nel sociale, quando può aiuta chi ha bisogno, sognando un mondo migliore.

  • L’OBLIO NON ASSOLVE

Si parla di uxoricidio. Emilio ne è l’artefice, è malato e ha dimenticato tutto ma non la sua natura maschilista. Lucia, medico responsabile del reparto, ne vuole tutelare comunque il diritto alle cure e ripercorre la tragedia attraverso i documenti, la lettera che la vittima ha scritto prima di morire.

Giuseppe Raineri, dopo una lunga, ricca e variegata esperienza di lettore si è cimentato nel mettere per iscritto pensieri, fatti reali e di pura fantasia e dare vita a progetti narrativi abbozzati o rimasti incompleti per molto tempo. All’interesse per la tecnologia, si affianca quello fortissimo per la musica, Bach soprattutto, per la scienza, la storia, la narrativa che diventa chiave di lettura dell’uomo anche dove sembra che la fantasia prevalga sul vissuto reale. Con lo pseudonimo di Giulio Irneari ha esordito con Plissé per la casa editrice Silele, cui è seguito Il patto, dove il racconto si tinge di giallo e di nero ed un romanzo breve in formato elettronico su Amazon dal titolo La biblioteca delle memorie minime: un omaggio di fantasia ai libri, alle biblioteche, a Borges. Altro è in attesa di pubblicazione.

  • IL BACIO SULLA BOCCA

Paola Santacroce nasce a Jesi. Ispettore della Polizia di Stato, ha conseguito nel 2007 la laurea in Comunicazione Internazionale presso l’Università per Stranieri di Perugia. Nel 2013 inizia a scrivere racconti brevi. Finalista in diversi concorsi letterari, pubblica con Historica, Giovane Holden, Kimerik, Montegrappa, “Caravaggio”. I suoi racconti, totalmente emozionali, sono tuffi interiori, indipendenti e senza regole.

  • UN GRADINO DOPO L’ALTRO

Lui è bello da mozzare il fiato e irraggiungibile, lei una donna qualunque che non può far altro che sognare ad occhi aperti. Quando Diego la contatta Cassandra non riesce a crederci. Finalmente, dopo tanto tempo, può realizzare il suo sogno. Ma nulla è come sembra.

Chiara Santarelli nasce a Fermo nel 1977. Amante degli animali fin da bambina, dopo la laurea in Scienze e tecniche psicologiche presso l’Università di Bologna si specializza nel settore del comportamento animale, studiando per diventare un’educatrice cinofila. Lavora come tale dal 2006 in provincia di Fermo e affianca alla sua professione la passione per la lettura e la scrittura.  Scrive da autodidatta e questa è la sua prima pubblicazione.

  • IO PRENDO TE

Il racconto nasce dalla rielaborazione di fatti e vicende realmente accaduti a persone vicine all’autrice. Dal loro insieme nasce l’amara osservazione di quanto certe dinamiche emotive si ripetano all’infinito. Esempi di vita che, in un senso o nell’altro, definiscono i rapporti intragenerazionali, silenzi e omertà quotidiani, la forza delle donne: qual è il punto che segna il limite, il confine tra il bene e il male, tra l’egoismo narcisistico e l’insano altruismo?  Una sola certezza: non giudicare, mai.

Manuela Spinella è nata a Torino ma cresciuta e residente in La Spezia, lavora da 20 anni come insegnante di scuola dell’infanzia. Appassionata di libri e di arte in generale, scrive ed il illustra storie per hobby, in particolare racconti per bambini.

  • ILLUSTRAZIONI

Paola Tassinari, ha pubblicato romanzi, racconti, favole, poesie ottenendo dei riconoscimenti. Collabora con riviste on-line e quotidiani trattando di usi, storia e arte. I suoi lavori pittorici e digitali sono presenti su numerosi portali e cataloghi d’arte. Ha realizzato 1000 mini opere per Ellin Selae e illustrato libri di favole; esposto in collettive, in Romagna e in giro per il mondo, San Diego, Tokio, Lisbona, Madrid, Parigi, Roma, Firenze, Venezia. Selezionata al Premio Maestri d’Italia. Ha fatto parte degli artisti che hanno tappezzato con le loro opere le strade di Taranto. Attualmente sta partecipando alla realizzazione della mostra d’arte collettiva più grande al mondo e a un progetto di immagini/poesie che unisce Ravenna a Matera. Abita a Ravenna ed è ‘cotta’ di Dante.

locandina

L’AMORE NEL BUIO: Storie ordinarie di passione e follia – antologia rosa

locandinaÈ appena uscita la nuova raccolta antologica L’AMORE NEL BUIO: Storie ordinarie di passione e follia (collana Riscontri Rosa, n. 2) a cura di Emilia Dente, con alcuni dei racconti vincitori della sezione “Realistico/piscologico” del concorso “Riscontri Letterari” 2020. Scopriamo di più sui racconti e sui loro autori.

Tra luci ed ombre, tra estasi, delirio e follia, questa antologia racconta l’Amore in tante sue sfumature. Sedici racconti tre illustrazioni che attraversano il cuore narrando il sentimento amoroso e il suo riflesso opaco. Nel fuoco di un cuore appassionato, nella foschia di una mente impazzita, nei silenzi inquieti di un amante, nelle lacrime velate di una moglie, l’Amore è protagonista, tormento e sogno nel cammino rosso delle vene e delle palpitanti storie. Quelle che il lettore troverà sono quindi storie ordinarie di passione e di follia, storie che travolgono la mente e il cuore e scuotono l’essere nell’assillo impetuoso della passione che brucia le vene.

Appassionata di vita, di storia e di poesia, Emilia Dente, è autrice eclettica e vagabonda felice sui sentieri delle parole con l’impegnativa missione di illuminare le profondità ambrate dell’anima tra impasti narrativi, sogni poetici, saggi storici, progetti di marketing culturale e valorizzazione della memoria. Per il Terebinto Edizioni ha già pubblicato la silloge poetica Nero come l’amore in cui riflette, specchiandosi, sul vortice complesso del sentimento amoroso, e diverse antologie di narrativa e di poesia a sua cura.

CLICCA QUI PER SCOPRIRE DI PIÙ SULL’ANTOLOGIA

brividi_copertina FB