“Parole sussurrate come petali di rose” – antologia poetica

Eccoci finalmente pronti con la terza raccolta antologica del Concorso “Riscontri Poetici” 2020: Parole sussurrate come petali di rose, a cura di Emilia Dente. Scopriamo di più sulle poesie e sugli autori.


prima di copertina


Curatrice: Emilia Dente

Pagine: 128

Collana: Riscontri Poetici n. 6

Formato: 12×20

Anno: 2021

Prezzo di copertina: 12,00

ISBN: 9788831340359        

 

Parole sussurrate, versi come carezze lievi che sfiorano il cuore. Nel fervore del giorno affannato, nel ritmo frettoloso della vita e dei pensieri, i versi di questi autori sono il respiro lento e profondo dell’anima che sogna, sono il battito potente del cuore che non ha paura di vivere e di vivere l’amore.

Nel cammino variegato dei componimenti, nell’orizzonte inquieto del profondo sentire, è bello notare come la scintilla amorosa, rigenerante e creativa che attraversa tutte le liriche, si sublimi e assuma toni raffinati e preziosi in una particolare raccolta poetica. Qui, nel cielo inquieto dei giorni, all’ombra di parole e petali di rose, fiorisce l’animo appassionato e vivo. Fiorisce la poesia.


locandina


La curatrice:

Appassionata di vita, di storia e di poesia, Emilia Dente è autrice eclettica e vagabonda felice sui sentieri delle parole, con l’impegnativa missione di illuminare le profondità ambrate dell’anima tra impasti narrativi, sogni poetici, saggi storici, progetti di marketing culturale e valorizzazione della memoria.

Per il Terebinto Edizioni ha già pubblicato la silloge poetica Nero come l’amore – in cui riflette, specchiandosi, sul vortice complesso del sentimento amoroso –, e ha curato le antologie della collana “Riscontri Poetici”: Maelstrom. Negli abissi dell’anima (2020), Sogni Rosso Rubino (2020), Semi di luce (2020), Sentieri d’inverno (2021), Lucciole al tramonto (2021).

 

Clicca qui per scoprire di più sugli autori

 

“Lucciole al tramonto” – gli autori

Scopriamo di più sulla nostra nuova antologia (Terebinto Edizioni) andando a conoscere meglio gli autori.

sentieri_post FB

  • Rosanna Bonugli è una persona semplice, non ama farsi notare ma la sua mente e il suo cuore sono sempre in fermento: pensa che lo studio sia un ristoro per la mente e la poesia per il cuore. Ha conseguito la laurea in giurisprudenza e ora si sta laureando in psicologia, scrive poesie da quando era bambina partecipando con buoni risultati a diversi concorsi poetici. Ama i libri, gli scacchi, i viaggi e le camminate in montagna con i suoi tre fedeli cani. Ha una spiccata sensibilità a percepire le emozioni e i bisogni altrui, a cogliere dei segnali nelle piccole cose della vita quotidiana e fa fatica a vivere nel mondo attuale ricco di burocrazia e di cattive emozioni. La sua aspirazione più grande è un rifugio in montagna attorniata da bei tramonti, dalla natura selvaggia e da profumi ancora genuini.
  • Manuela Marchese è genovese, nata nel 1977. Attualmente vive a Chiavari, nella splendida Riviera ligure levantina, insegna nella scuola primaria ed è mamma di tre figli. Fin dai primi anni dell’adolescenza il suo approccio alla scrittura, legato anche all’amore per la lettura, è stato fondamentale come personale ricerca introspettiva, culminata nell’ultimo decennio in una sorta di terapia dell’anima, dove l’espressione poetica è diventata percorso di elaborazione interiore a seguito di un gravissimo lutto familiare. Amante della ricerca storica, dell’arte e dell’arredamento, si dedica al restauro e recupero di mobili e oggetti del passato e allo studio di documenti di difficile reperibilità testimoni di storie nella Storia.
  • Gio Cancemi, di Modena, è laureato a pieni voti in Lettere Moderne e in Pianoforte. Nella vita svolge attività di Insegnante di Musica e di Pianista Solista e Accompagnatore. In ambito musicale collabora stabilmente con numerosi insegnanti di fama nazionale e internazionale, con numerosi artisti, cantanti e strumentisti, compagnie teatrali e circoli musicali. È del 2020 l’uscita del suo ultimo libro, Risonanze, pubblicato con la Casa Editrice Pluriversum, che raccoglie Poesie e Racconti. Diversi suoi racconti, poi, sono stati pubblicati in varie pubblicazioni antologiche. Nella scrittura trova l’antidoto a una realtà della quale ama evidenziare aspetti contraddittori e complessi e dalla quale cerca rifugio e “cura” attraverso “l’incantesimo” della parola.
  • Giancarlo Boldrini è nato a Fucecchio, traversato dal fiume Arno e dai pellegrini che percorrono la Via Francigena. Da molto è infilato nel mondo e se ti ci addentri ti rendi conto di quanto non sai. Questo per testimoniare il suo approccio alla vita, come ultimo degli ignoranti, affamato di inestinguibile conoscenza. Inizia a scrivere per comunicare con le figlie e dopo il “successo” familiare, prosegue. Per sua culturale limitazione, manca di un dovuto lirismo. Ma forse il lirismo ha dato una limitazione alla poesia, quella di farne cosa di pochi, così lui è fautore di linguaggi crudi, metafore accessibili, messaggi che fanno vivere la poesia a chiunque. Apprezzato, compare in svariate antologie, ma ancora non sa se la sua è poesia o solo un maldestro tentativo. Ai lettori la sentenza.
  • Silvana Sonno vive a Perugia, dove ha insegnato per molti anni nella scuola superiore. A Perugia ha fondato la Rete delle donne AntiViolenza, nata per contrastare la violenza maschile sulle donne, per la quale si è occupata a lungo di formazione e comunicazione. Ha partecipato a numerosi convegni sulle politiche di genere e ha organizzato manifestazioni ed eventi contro il femminicidio. La sua esperienza di femminista si è incontrata presto con la passione per i libri, che l’ha portata a organizzare gruppi di lettura dedicati alla narrativa femminile, molto partecipati, e per la scrittura che pratica ormai da diversi anni e in cui privilegia vite di donne, restituite attraverso scelte linguistiche e simboliche inclusive di una prospettiva di genere. Sono nati così saggi, testi narrativi e sillogi poetiche che hanno accompagnato/accompagnano fasi significative del suo percorso.

LUCCIOLE AL TRAMONTO_scheda


  • Michele Monica nasce nel 2006. Frequenta le scuole elementari nel suo paese. Al termine delle elementari prosegue gli studi frequentando le scuole medie dove, incoraggiato dalla sua professoressa di lettere dell’ultimo anno, inizia quasi per gioco a scrivere qualche poesia, una di queste è stata scritta durante un suo soggiorno a Napoli e durante la pandemia da Covid19. Una in particolare è dedicata alle sue professoresse. Sin da piccolo si appassiona a vari sport come il nuoto e il karate, gli piace leggere libri di avventura e ascoltare buona musica. In questo frangente compone alcune canzoni in stile rap sull’emarginazione degli adolescenti.
  • Alberta Fina, nata nel 1985, vive in provincia di Lecce ed esercita la professione di avvocato. Da sempre appassionata di diritto e letteratura, utilizza la scrittura per indagare le pieghe dell’animo umano e per dar voce a parti di sé spesso soffocate dalla “frenesia” della vita quotidiana. Scrive dall’età di 13 anni ma solo recentemente inizia a presentare i suoi elaborati nell’ambito di concorsi letterari. In poco più di un anno diviene autrice di poesie, filastrocche e racconti selezionati nell’ambito di concorsi letterari e pubblicati in numerose raccolte antologiche. Aspira a pubblicare il suo primo romanzo, attualmente in fase di ideazione, e una propria raccolta di poesie. Attiva nell’ambito culturale, volontaria ospedaliera da alcuni anni, è sempre in prima linea per la tutela dei soggetti deboli e per il rispetto dei diritti umani. Ha ottenuto ottimi risultati nei vari concorsi letterari a cui ha partecipato.
  • Annachiara Magazzeno, diciotto anni, frequenta il quinto anno di liceo classico presso l’istituto F. De Sanctis di Salerno ed è un’aspirante scrittrice. Scrive da quando aveva appena sei anni. Dal 2018 condivide i propri scritti sulla pagina Instagram “brevivoragini” e, dal 2020, scrive su Wattpad con omonimo nickname. Ama i libri e l’arte in ogni sua forma e il suo colore preferito è il blu. Desidera diventare un’insegnante di Lettere.
  • Fulvio Tuccillo vive e lavora a Napoli. Dopo un lungo periodo dedicato all’insegnamento, ha prestato servizio prima presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma e poi quella di Napoli fino al 2010. Italianista con forti interessi per la storia della critica letteraria, è autore di vari contributi e di una monografia sulla storia degli studi leopardiani (Leopardi nel tempo); sull’argomento ha tenuto alcune docenze universitarie. Si è molto occupato di letterature dialettali e in genere di autori poco conosciuti o poco ricordati. È autore di saggi e articoli pubblicati su “Il Belli”, “Riscontri”, “Il Veltro”, e numerose altre riviste letterarie, e collaboratore di vari istituti di cultura. Come giornalista, ha curato per “Il Denaro” la rubrica “Autori internazionali”.
  • Barbara Brusić nasce a Rijeka (Croazia) nel 1988. Nella città natia frequenta le scuole di minoranza italiana. Da piccola inizia a scrivere poesie e brevi racconti destinati a rimanere chiusi in un cassetto. Affascinata dai viaggi e dalle lingue straniere si trasferisce in Italia per proseguire il percorso di studi diplomandosi al liceo Linguistico del C.N.P.D. di Cividale del Friuli. Successivamente si trasferisce a Trieste e si laurea in giurisprudenza. Su esortazione degli amici decise di partecipare al suo primo concorso Letterario Nazionale: Racconti Corsari, XIV Ediz.2018, vincendo il primo premio nella sezione Poesia. La poesia Delicatezza viene pubblicata all’interno del Premio Letterario Penne D’Oro della Letteratura Italiana 2020.
  • Concetta Tomasetti è una donna in pensione dalla Pubblica Amministrazione, dove ha profuso 43 anni della sua vita, di cui 12 nel nord Italia, incontrando e servendo, con amore e dedizione, migliaia di persone. Ama viaggiare, incontrare nuove culture, curiosa, appassionata, da sempre nel mondo del volontariato, vicina a chi soffre e ai più deboli della società. Ha portato aiuti umanitari anche in Africa e in India, dove ha sperimentato tanta umanità e dignità, pur nella povertà assoluta. Fin da piccola ama leggere, anche grazie al suo papà, storico locale, che l’ha introdotta nel mondo della cultura e delle nostre radici cristiane: ad Atripalda, infatti, sono custoditi i resti di tanti santi martiri, uccisi in odio alla fede. Concetta ama osservare la vita nella sua interezza, così come accade, con le luci e le ombre, con i volti che incontra, nell’incanto delle piccole cose.
  • Massimiliano Andreoni è nato nel 1965 a Lucca. Dopo il diploma ha fatto esperienza di servizio civile alternativo alla leva in ambito sociale e lì ha trovato la sua vocazione lavorativa, il sociale, e da trent’anni opera come educatore, consulente, progettista, coordinatore di progetti con persone con problemi di dipendenza, penali, percorsi di migrazioni e minori in difficoltà oltre ad occuparsi di servizio civile. Ha tre figli maschi di 24, 22 e 17 anni e sei anni fa ha ritrovato la donna della sua vita, sua compagna di scuola media, che è diventata la sua musa ispiratrice. Scrive perché è diventata un’esigenza. Ha scritto 130 poesie, alcuni racconti brevi e ha in corso la scrittura di due romanzi. Ama scrivere, leggere e viaggiare ed è appassionato di fumetti, ne possiede oltre 10.000.
  • Giorgio Magnani è autore di saggi e ricerche, tra cui i volumi Longiano, storia, personaggi, cultura e pro loco (2004), Dagli etruschi a don Sisto (2016) e Do you speak… dialet rumagnol? (2020) trittico dialetto-italiano-inglese di poesie e racconti. Ha vinto più volte “Urgonautiche” dell’Associazione culturale Pro Rubicone e altri concorsi, edito dall’associazione culturale “L’Ortica” di Forlì. Iscritto all’Albo dei giornalisti-pubblicisti, scrive per il “Corriere Romagna”, già presidente del Circolo didattico statale di Gambettola e presidente del Consiglio d’Istituto comprensivo statale di Longiano, nel 2006 ha ricevuto il Premio Rotary club per “intensa attività culturale”. Nel 2012 è stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine “al merito della Repubblica italiana”.
  • Dario Cavalli nasce a Rimini nel 1985 e sarà la scoperta nei primi anni dell’adolescenza dell’appena scomparso Fabrizio De André e del suo cantautorato ad accendere in lui l’amore per la poesia. Un’attrazione nei confronti delle parole, della loro capacità di intrecciarsi e di raccontare storie, magie, incertezze, malinconie e a volte inquietudini. La perenne ricerca di sé e del significato che la vita cela nascosto lo condurrà attraverso esperienze musicali, viaggi e lunghi cammini. Ritiene che il tempo sia saggio maestro e fedele compagno per riuscire a condividere la ricerca dell’essenza, fine ultimo delle sue rime poetiche.

“Lucciole al tramonto” – antologia poetica

È pronta la nuova raccolta antologica Lucciole al tramonto, a cura di Emilia Dente, con alcune delle raccolte poetiche vincitrici della sezione A del Concorso “Riscontri Poetici” 2020. Scopriamo di più sulle poesie e sui loro autori.


terebinto


Curatrice: Emilia Dente

Sottotitolo: versi tra luci ed ombre

Pagine: 156

Collana: Riscontri Poetici n. 5

Formato: 12×20

Anno: 2021

Prezzo di copertina: 12,00

ISBN: 9788831340342


locandina


Nell’orizzonte senza tempo dei sentimenti, tra albe smarrite e tramonti infuocati, si illuminano i versi di questi autori. Versi lievi, meditabondi, dolci e amari, versi che, come lucciole incantate, si librano nel cielo inquieto del foglio, rievocando la serenità di momenti felici, a volte, e a volte svelando lacrime di tristezza e nostalgia.

In questo abisso si muovono inquieti i poeti, in giardini incantati o in selve intricate, tra fiori palpitanti e rovi insidiosi, tra gioia sfiorata e tristezza infinita, tra tenerezza, paura, incertezza e dolore, con la consapevolezza sempre che la vita ha tempi lunghi e profondi, scanditi solo dal battito del cuore.

Non vi sono ore, giorni, mesi, solo emozioni e ricordi che si avvolgono come spirali dolceamare intorno ai pensieri e ai sogni audaci. E allora, viandanti scalzi, i poeti attraversano il tormento dei bianchi fogli, riversando, su sentieri di righe distorte, il proprio sentire.


Appassionata di vita, di storia e di poesia, Emilia Dente è autrice eclettica e vagabonda felice sui sentieri delle parole, con l’impegnativa missione di illuminare le profondità ambrate dell’anima tra impasti narrativi, sogni poetici, saggi storici, progetti di marketing culturale e valorizzazione della memoria.

Per il Terebinto Edizioni ha già pubblicato la silloge poetica Nero come l’amore – in cui riflette, specchiandosi, sul vortice complesso del sentimento amoroso –, e ha curato le antologie della collana “Riscontri Poetici”: Maelstrom. Negli abissi dell’anima (2020), Sogni Rosso Rubino (2020), Semi di luce (2020).

Clicca qui per scoprire di più sugli autori

Vincitori del Concorso “Riscontri Poetici” 2020 (sez. B)

Ringraziamo tutti i partecipanti alla seconda edizione del Concorso “Riscontri Poetici” (2020) per la sezione B, a cura di Emilia Dente, di cui sono finalmente disponibili i risultati:

La vincitrice della sezione B è la raccolta

Il pomeriggio della tigre di Elisabetta Sancino  


519xnRx1B-L


SCHEDA

Casa editrice: TERRA D’ULIVI

Anno: MAGGIO 2018

Pagine: 108


La silloge comprende un totale di 74 poesie suddivise in sette sezioni, il cui nucleo tematico principale è il tema del viaggio.

La prima sezione, Lingua madre, si propone come riflessione metapoetica, i cui protagonisti sono la ricerca e la scoperta della parola e del ruolo che la poesia riveste nella vita di ogni giorno. La seconda sezione, English Mood, contiene una serie di testi dedicati all’Inghilterra, luogo reale e al tempo stesso topos dell’anima. La terza sezione, Sbilanciamenti interiori, è incentrata su un viaggio dentro di sé, alla scoperta di quel mondo oscuro e immaginifico che ci dà la chiave per aprirci agli altri, protagonisti delle sezioni Miracolo e  Chiamati per nome. La penultima sezione, intitolata La città che sale, è dedicata a Milano, svelata attraverso una serie di itinerari cifrati che svelano la mappatura dell’anima. L’ultima sezione, Epilogo, vede la conclusione del viaggio in un luogo famigliare e al tempo stesso fortemente simbolico, la cucina.

Sono state inoltre ritenute meritevoli di segnalazione sette raccolte partecipanti. Ecco l’elenco delle menzioni:

“Sentieri d’inverno” – antologia poetica

È appena uscita la nuova raccolta antologica Sentieri d’inverno, a cura di Emilia Dente, con alcune delle raccolte poetiche vincitrici della sezione A del Concorso “Riscontri Poetici” 2020. Scopriamo di più sui racconti e sui loro autori.


terebinto


Curatrice: Emilia Dente

Pagine: 142

Collana: Riscontri Poetici n. 4

Formato: 12×20

Anno: 2021

Prezzo di copertina: 12,00

ISBN: 9788831340311


I versi dei poeti che costituiscono questa raccolta si intrecciano in armonie dissimili e varie, in una trama di incanto, timore ed emozione, raccontando, ognuno la propria storia di amore e tormento, segnando ognuno le proprie orme profonde sulle pagine. Viandanti smarriti per le vie del cuore, la poesia è guida e compagna nell’incerto andare.

Malinconica compagna di cuori tremanti, la luna accarezza i pensieri nella meditazione dolce che avvolge l’anima e diviene poesia. Il cuore è in tempesta, la mente è irrequieta, tanti i ricordi e le suggestioni del tempo, tanti i frammenti di storie che i poeti raccontano nel linguaggio universale delle emozioni. Schegge di vita vissuta o sfiorata, frammenti lucenti e acuminati che graffiano la mente ribelle e si frantumano e divengono semi lucenti nel terreno della Vita, nelle scie vaghe che si dissolvono in cieli di carta dove la scrittura, l’arte, la poesia, sostengono il volo incerto dell’essere e il suo profondo sentire.

Clicca qui per sapere di più sull’antologia


locandina