Economia e cultura: un rapporto controverso

di Giulio de Jorio Frisari

 

prima di copertinaTra la sfera delle attività e delle teorie di argomento economico e le attività della poiesis vige un rapporto di analogia. Non è la cultura un fenomeno utile alla società: essa è modello alla società, l’attività economica nasce in virtù ed in ragione del sistema relazionale complesso che la letteratura pone nel mondo. Solo un modello di cattiva economia può progettare una emarginazione delle attività culturali. Pertanto la pianificazione e l’organizzazione delle attività culturali è ambito essenziale alla cultura stessa e allo svolgimento di una società che può rivelarsi corrispondente alla Teoria dei Sistemi Evolutivi e che recuperi gli elementi della dottrina di Keynes

 

 

L’articolo completo è disponibile sul numero 1 (2020) di “Riscontri”

Link all’acquisto:

Amazon

Sito dell’editore

 

Giulio de Jorio Frisari, saggista, ha numerose collaborazioni con università e istituti di ricerca. Ha sviluppato un percorso scientifico personale dedicato alla ermeneutica ed alla meta teoria letteraria in un ventennale scambio dialettico con Gerardo Marotta e l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici. Si dedica alla tutela dei beni monumentali aviti ed alla promozione di essi in ragione di una esatta teoria dello sviluppo sociale

Decadenza della cultura

di Francesco D’Episcopo

 

copertina def 2Nell’asterisco “Decadenza della cultura” si sottolinea la grave scissione venutasi a creare tra cultura e imprenditoria, che aveva dato rilevanti risultati nel nostro Paese, nel corso del Novecento, come basterebbe a dimostrare la straordinaria esperienza di Adriano Olivetti e la collaborazione, ad esempio, di Leonardo Sinisgalli ad importanti aziende.

Francesco D’Episcopo ha svolto attività didattica e scientifica presso il Dipartimento di Filologia moderna “Salvatore Battaglia” della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, dove ha insegnato Letteratura italiana; Critica letteraria e letterature comparate. Ha insegnato, inoltre, Letteratura italiana all’Università del Molise. Risiede e vive a Salerno.

   È autore di numerosi volumi e saggi sulla Letteratura italiana, dal Rinascimento al Novecento; è curatore di testi esemplari di scrittori meridionali e di autorevoli atti di convegni; fa parte del comitato di direzione e redazione di riviste nazionali e internazionali. Svolge intensa attività di collaborazione giornalistica e di promozione editoriale. Vari sono stati i riconoscimenti ufficiali alla sua opera di critico letterario, tra cui cinque Premi per la Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Sempre per meriti culturali, è stato insignito della cittadinanza onoraria dei Comuni di Alberona, in provincia di Foggia; Guardialfiera, in provincia di Campobasso, Moiano, in provincia di Benevento, Praia a Mare, in provincia di Cosenza.

 

L’articolo completo è disponibile sul numero 2-3 (2018) di “Riscontri”

 

Link all’acquisto:

Amazon: cartaceo ed ebook

Ibs: cartaceo ed ebook