“RISCONTRI” N. 2-3 (2018)

copertina def 2.jpg

 

SOMMARIO DEL FASCICOLO

 

Francesco D’Episcopo, «Riscontri» di vita e di cultura

 

EDITORIALE

Ettore Barra, Il governo dei mercati

 

STUDI E CONTRIBUTI

Alessandro Ruffo, Napoleone in Egitto. Incomprensioni e fraintendimenti agli albori dell’orientalismo moderno

Marco Mercato, Il sogno concreto. Dalla città ideale alla città reale nel secondo Quattrocento

Raffaele Di Zenzo, Joseph Tusiani: poeta e scrittore in quattro lingue

John Butcher, Remo Ceserani commentatore dell’Orlando furioso

 

OCCASIONI

Dario Rivarossa, Vittorio Pica: lʼumile coraggio dellʼuomo atlante

 

MISCELLANEA

Francesco Barra, Fra Diavolo e Lèopold-Sigisbert Hugo

Tina D’Aniello Di Benedetto, Scienza e tecnica nella ricerca archimedea

Lorenzo Mori, Il pericolo ottomano in Europa. Giovanni III Sobieski e l’assedio di Vienna

Mario Losco, Cinque nuove indagini crociane

 

ASTERISCHI

Francesco D’Episcopo, Decadenza della cultura

 

RECENSIONI

Giuseppina Di Luna, Una lanterna accesa nell’oscurità dei nostri tempi. Gli aforismi di

Mario Gabriele Giordano

Arianna Cerusa, La Trinità Bantu. Viaggio nella Svizzera di Max Lobe

Mariella Zarrilli, Viaggio nei Seventies. Gli anni settanta di Carlo Crescitelli

 

CLICCA QUI PER SCARICARE L’INDICE

 

Link all’acquisto:

Amazon: cartaceo ed ebook

Ibscartaceo ed ebook

Sito dell’editore

 

Gli abstract degli articoli possono essere consultati anche sul sito di Italinemo.

Per informazioni sull’abbonamento clicca qui

 

La Trinità Bantu. Viaggio nella Svizzera di Max Lobe

di Arianna Cerusa

 

copertina def 2Il nuovo romanzo di Max Lobe, autore di origini camerunensi (classe 1986) già vincitore nel 2013 del Prix du roman des Romands, proietta il lettore in una prospettiva inedita della realtà svizzera. In un crescendo di disavventure apparentemente sconfortanti, ma in realtà con tanti spunti ironici e ricchi di speranza. Dopo essersi laureato e aver conseguito un master, Mwána Matatizo si ritrova infatti a dover affrontare la lunga burocrazia dei centri per l’impiego, in sale d’aspetto dove regna quel «genere di silenzio che non esprime né il lutto, né la fame e nemmeno il bisogno. Si direbbe che tutto vada bene».

Arianna Cerusa, laureata in Scienze dei Beni Culturali presso l’Università degli studi di Salerno. Ha collaborato, utilizzando le sue conoscenze, all’accompagnamento di fedeli e turisti presso il Museo di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori sito in Pagani (Sa). Data la predisposizione alla lettura, segue un corso di editoria e inizia a dedicarsi alla recensione di libri, collaborando come redattrice al blog letterario “Il lettore medio”.

 

L’articolo completo è disponibile sul numero 2-3 (2018) di “Riscontri”

 

Link all’acquisto:

Amazon: cartaceo ed ebook

Ibs: cartaceo ed ebook