Processo a Giordano Bruno. Il sangue, prezzo della libertà di pensiero

di Nunzio Ciullo

prima di copertinaGli studi sul filosofo di Nola sono un’acquisizione relativamente moderna. A partire dal martirio in Campo dei Fiori, in effetti, la Chiesa negò sempre che Bruno fosse stato bruciato e ancora nel 1885 uno scrittore cattolico, Theophile Desdouits, parlava della «Leggenda tragica di Giordano Bruno […], di origine sospetta, inverosimile». A riscattare definitivamente il Nolano dall’oblio fu la pubblicazione dell’atto di morte, registrato nei libri della Venerabile Arciconfraternita di San Giovanni Decollato detta della Misericordia della nazione fiorentina in Roma. L’importanza capitale dell’Archivio di San Giovanni Decollato apparve, dunque, allorché si volle dimostrare il rogo di Bruno. Non solo: i libri della Compagnia della Misericordia sono la testimonianza documentale della pratica di ardere i condannati per eresia dal 1497 al 1870. Molti passi sono stati compiuti, a partire dal secolo scorso, per riscattare il nome di Giordano Bruno dall’oblio e da interpretazioni distorte – fino al ritrovamento di documenti inediti sul processo da parte di Enrico Carusi.

Gli atti originali del processo romano si ritengono perduti nella sciagurata vendita conclusa, tra il 1815 e il 1817, con una fabbrica parigina di cartoni da Marino Marini, allora prefetto dell’Archivio Vaticano. Fortunatamente, nel 1942 Angelo Mercati pubblicò una specie di sommario di tutto il processo di Bruno – traendolo dall’Archivio Segreto Vaticano. Soltanto nel 1949 fu recuperato e pubblicato, da Luigi Firpo, un volume in cui era stato ricopiato l’originale del processo a Bruno.

 

L’articolo completo è disponibile sul numero 3 (2019) di “Riscontri”

La rivista è distribuita nelle librerie fisiche e in quelle online

Link all’acquisto:

Amazoncartaceo ed ebook

Ibscartaceo ed ebook

 

Profilo biografico

Mi laureo in Giurisprudenza nel 2005 con una tesi in Storia del diritto italiano, poi conseguo il Diploma di Specializzazione per le Professioni Legali nel 2007. Dopo ottengo borse di studio dal Centro Europeo di Studi Normanni di Ariano Irpino (2006), dal Centro Internazionale di Studi Bruniani (2008/09), dall’Istituto Italiano di Scienze Umane (2011), dal Centro di Studi Normanno-Svevi di Bari (2012) e dall’Istituto Storico Italiano per il Medioevo (2014).

Nel 2017 pubblico alcune voci biografiche nel Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo. Nel 2018 pubblico il saggio L’eresia del Papa in un trattato inquisitoriale (Roma: Il Seme Bianco). Nel 2019 un mio racconto viene giudicato tra i dieci migliori del Premio internazionale “Giuseppe Melchionna” (3^ edizione) e inserito in un’antologia, a cura dell’Associazione PRODIGIO Onlus.

Vittorio Pica: lʼumile coraggio dellʼuomo atlante

di Dario Rivarossa

 

copertina def 2Vittorio Pica, napoletano (1862-1930), fu tra i più importanti recensori italiani nel periodo a cavallo tra lʼOttocento e il Novecento. Già allora imperava una stampa disinformata e urlante che tirava giù giudizi a casaccio senza aver approfondito nulla. Con la sua mania per la documentazione che fosse il più accurata possibile, Pica costituiva quindi unʼeccezione quasi unica.

La sua figura, e lʼimportanza estrema che ebbe nella formazione del gusto letterario in Italia in quellʼepoca, vengono ora riprese dal prof. Giorgio Villani nel saggio Un atlante della cultura europea, dove lʼ“atlante” è lo stesso Pica per il ruolo di mappatura che ebbe nei confronti delle novità e delle correnti letterarie e artistiche.

In unʼepoca ben lontana dall’invenzione dellʼemail, il critico napoletano faceva il possibile per entrare in contatto diretto con gli scrittori che poi presentava a cadenza mensile su varie riviste. Cominciò giovanissimo, diciottenne, scrivendo con trepidazione lettere in un francese anche un poʼ scorretto a qualche gigante della letteratura dellʼepoca. Se cʼera una polemica in corso – e ce nʼerano assai – Pica valutava le diverse posizioni, si consultava con lʼautore stesso, cercava di presentare la questione nella maniera più equilibrata e documentata possibile.

E non basta. Perché fu ancora lui, tra i pochissimi coraggiosi in Italia, a difendere personaggi “scandalosi” come Mallarmé o Zola. Questo, non perché lui personalmente fosse un patito delle scene morbose, ma perché riteneva che rappresentassero onestamente la situazione sociale, senza quelle ipocrisie “filistee” che lo infastidivano parecchio.

 

L’articolo completo è disponibile sul numero 2-3 (2018) di “Riscontri”

 

Link all’acquisto:

Amazon: cartaceo ed ebook

Ibs: cartaceo ed ebook

 

Dario Rivarossa “ilTassista Marino” è traduttore da inglese e tedesco, illustratore, conferenziere, saggista online e scrittore, specializzato in ricerche su Dante, la poesia barocca, la letteratura anglosassone. Ha pubblicato narrativa e immagini su antologie Usa, oltre al saggio Dante era uno scrittore fantasy, GuardaStelle 2012, tradotto anche in inglese. Per le edizioni Il Terebinto ha scritto il romanzo Il Divino Sequel e tradotto la biografia Blade Runner 1971: Il prequel di Tessa B. Dick. Contatti: dario.rivarossa@gmail.com

Torquato Tasso nel castello di Bisaccia. L’amicizia con Giovan Battista Manso

di Martina Riccio

 

 

piccolaGiovan Battista Manso (1569-1645) fu una figura di spicco nel contesto culturale napoletano grazie alla sua attività di scrittore e di mecenate. Esemplare fu la capacità del Manso di aggregare attorno a sé i migliori letterati del tempo. All’anno 1588 risale il primo contatto con il celebre letterato Torquato Tasso, giunto presso il monastero del Monteoliveto a Napoli nei primi giorni di aprile e, in seguito, presso il Castello di Bisaccia, Tasso ultimò definitivamente la revisione della Gerusalemme Conquistata, nella quale dedicò anche alcuni versi al Manso; inoltre iniziò la stesura delle Sette giornate del mondo Creato.  La più importante testimonianza dell’amicizia tra il Manso ed il Tasso consiste nella fitta corrispondenza, rinvenuta nelle lettere di Tasso. Le diciotto missive tassiane al Manso, risalenti ad un arco temporale esteso dal 1588 al 1594, pubblicate da Cesare Guasti. L’amicizia che legava il Manso al Tasso era soprattutto mossa dalla profonda stima verso il celebre letterato e maestro di scrittura. In quest’ottica ebbe un ruolo centrale l’opera del Manso intitolata La vita di Torquato Tasso, che contribuì ancor di più alla fama mitografica del Tasso. Da cronista esemplare, Manso, nella stesura della Vita, alternava la narrazione delle vicende personali ai soggiorni napoletani del Tasso, comprendente quello al feudo di Bisaccia. Manso, inoltre, delinea la virtù del Tasso partendo da un elogio dei genitori, seguito dall’amore del poeta verso la città di Napoli, testimoniato dai continui soggiorni, per arrivare alla descrizione dell’animo del Tasso devoto unicamente all’amore per le virtù e la morale.

 

L’articolo completo è disponibile sul numero 1- 2018 di “Riscontri”

 

Link all’acquisto:

Amazon: cartaceo ed ebook

Ibs: cartaceo ed ebook

 

Martina Riccio, nata a Roma nel 1991, è dottoressa magistrale in Filologia Moderna, laureata con lode presso l’Università degli Studi di Salerno. Si interessa in particolar modo della storia moderna del Napoli e del Mezzogiorno, con particolare attenzione per l’aspetto socio-economico dell’Irpinia del XVI e XVII secolo. Nell’agosto 2017 ha pubblicato il volume intitolato Economia e società in Irpinia nella prima età moderna (Il Terebinto Edizioni).